M&A deal news

Synlab e lo shopping nella diagnostica

Synlab il gruppo internazionale attivo nel settore dei centri diagnostici, con un fatturato 2015 di Euro 1,5 miliardi dei quali 180 milioni in Italia avrebbe intenzione, secondo Milano Finanza, di continuare con la sua strategia di crescita per linee esterne prima di avviare il processo di quotazione in borsa e consentire al fondo proprietario, Cinven, di realizzare il proprio investimento.

Il gruppo procede ad una media di 10 - 12 acquisizioni l'anno di laboratori e l'intenzione di proseguire in questo trend costituisce per gli imprenditori del settore diagnostico che intendono valutare la cessione dell'azienda un importante ipotesi da considerare.

Se sei un imprenditore del settore e stai valutando la cessione dell'azienda contatta uno dei nostri esperti.

CEAM cavi per industria 4.0 acquisita dalla tedesca Lapp

Il gruppo Lapp ha acquisito la CEAM società di Monselice con fatturato di Euro 23 milioni e 110 dipendenti. La società è operativa nel settore dei cavi speciali per varie applicazioni legate al mondo ICT ed in particolare nelle applicazioni industriali dove lo sviluppo delle applicazioni industria 4.0 richiedono investimenti in innovazione tecnologica. Secondo il CTO del gruppo acquirente la CEAM è in particolarmente ben posizionata in termini di innovazione e potrà consentire all'acquirente di realizzare importanti sinergie di mercato.

Il gruppo Lapp che ha acquisito la CEAM aveva già una partnership di lungo periodo con quest'ultima. L'operazione è pertanto un buon esempio della cessione di una partecipata di un gruppo familiare ad un importante operatore del settore sulla base di un rapporto commerciale preesistente, conseguente alla scelta di focalizzare gli interessi del gruppo cedente su altri settori di attività.

Per informazioni su come un gruppo familiare può valorizzare parte dei propri investimenti richiedi informazioni su vendere l'azienda oppure contatta uno dei nostri esperti.

Optima produttore di gelati e l'interesse dei Private Equity

L'interesse di alcuni tra i più importanti fondi di Private Equity per il mondo del food italiano, si conferma con l'operazione di cessione in corso di svolgimento della Optima società che con il brand MAC3 The Genuine Company opera nel settore della produzione di gelati italiani.

Charterhouse Capital, Permira, Cinven e Carlyle secondo il Sole 24 Ore avrebbero infatti presentato la loro offerta non vincolante per rilevare la società.

L'operazione conferma l'opportunità offerta dal mondo del Private Equity per gli imprenditori italiani del settore del food interessati a finanziare i loro piani di sviluppo con l'ingresso di un partner o a cedere l'azienda.

Nello stesso settore interesse anche dei grandi gruppi industriali, è infatti dello scorso anno l'operazione di acquisto delle gelaterie Groom da parte della Unilever.

A2A acquista Consul System, utilities verso i servizi

A2A sarebbe in procinto di chiudere l'accordo per l'acquisizione del controllo della Consul System società di consulenza focalizzata sulla efficenza energetica. Il settore delle cd ESCO (Energy Service Company) emerge come un settore di interesse per le grosse utilities che puntano ad ampliare il proprio fatturato aumentando la gamma di servizi offerti, in particolare in segmenti in forte sviluppo come quello delle rinnovabili e della efficenza energetica.

La percentuale che verrà ceduta, secondo il Sole 24 ore, sarebbe di circa il 75% mantenendo pertando in azienda anche parte dell'attuale proprietà.

La maggioranza delle aziende che operano in questo segmento di mercato (Energy Service Company) sono PMI e pertanto un trend di nostro interesse, la struttura della operazione con il mantenimento di una quota azionaria da parte del cedente costituisce una delle strutture con cui un imprenditore può valutare la possibilità di cedere la propria azienda mantenendo un ruolo attivo nella azienda e contestualmente aiutando l'acquirente nel processo di gestione della integrazione delle aziende.

Gli imprenditori del settore che vogliono approfondire le modalità di esecuzione di una operazione del genere posso contattare uno dei nostri professionisti.

Monte dei Paschi e il salvataggio Passera

Potrebbe essere accettata l'offerta di Passera per il salvataggio della Banca Monte dei Paschi. Secondo la stampa economica il team guidato da Passera, forte della capacità finanziaria di tre grandi fondi di private equity disposti ad iniettare 2,5 miliardi di euro nella banca potrebbe essere quello che rileverà la maggioranza della banca. Warburg Pincus, Bc partners e Atlas Merchant, i tre fondi nella cordata hanno le risorse per un’operazione di questo tipo. Warburg Pincus e Bc partners hanno raccolto di recente fondi per 10-12 miliardi. Atlas Merchant ha circa un altro miliardo disponibile.

L'operazione ed il team sembrerebbero essere ora avanti rispetto all'altra cordata di JP Morgan e Mediobanca e che comprendeva anche i fondi sovrani del Qatar e del Kuwait ultimamente un po freddi sul progetto.

Dovrebbero partire a breve le attività di due diligence da parte dei fondi di private equity al termine delle quali potrebbe essere o meno confermata la loro partecipazione.

Questa operazione mette in evidenza l'interesse dei grossi investitori internazionali sul mercato italiano. Ovviamente le dimensioni dell'operazione non sono certo di PMI ma l'interesse sul mercato italiano e sulla nostra economia è comunque evidente. Acquisire una Banca come MPS è anche una manifestazione di interesse sulle PMI italiane - che da MPS sono ampiamente finanziate - e sulle capacità di recupero della nostra economia.

Se vuoi esplorare l'interesse dei fondi di Private Equity per la cessione della tua azienda contattaci.